.Watergen

Generare acqua dall’aria

Una risposta alla scarsità idrica, che ha fatto meritare all’acqua il titolo di oro blu, potrebbe arrivare da un dispositivo in grado di estrarre il prezioso liquido dall’aria. Lo ha messo a punto, fra le altre, la startup israeliana Watergen, aggiudicandosi il trofeo di migliore innovazione nella categoria “Tecnologia per un mondo migliore” al Ces di Las Vegas e ricevendo, sempre lo scorso gennaio, un riconoscimento dal World Economic Forum. La soluzione offerta da Watergen, il cui impatto sul problema globale dell’approvvigionamento idrico potrà essere verificato solo nel tempo, si basa sull’estrazione dell’acqua dall’aria usando l’elettricità. L’azienda afferma che il suo dispositivo ha consumi ridotti dal 70% rispetto ai competitor e che produce più del quadruplo della quantità di acqua per kWh rispetto ad altre realtà sul mercato. Sono diversi i prodotti messi a disposizione da Watergen, a seconda delle esigenze. L’ultimo, Genny, a breve in commercio, assomiglia alle classiche fontanelle da ufficio ed è in grado di fornire 27 litri di acqua al giorno per uso domestico o sul luogo di lavoro. In aggiunta, toglie l’umidità negli ambienti e consente di liberare dall’abitudine di usare le bottigliette in Pet.