.Fonti di Energia

Fonti di energia

Visto che le attuali fonti di energia sono limitate e comportano dei rischi, viene spontaneo chiedersi: Con il suo insaziabile desiderio di energia l’uomo finirà inevitabilmente per rovinare la terra? È evidente che abbiamo bisogno di fonti energetiche alternative che siano pulite e affidabili. Quali sono? Queste fonti alternative sono disponibili? Che dire dei costi?

RISORSE NATURALI

.Carbone

Fra tutti i combustibili fossili, il carbone è il più abbondante: si calcola che le riserve attuali potrebbero bastare per 1.000 anni. A livello mondiale quasi il 40 per cento dell’energia elettrica è prodotta da centrali termoelettriche a carbone. Il paese che esporta più carbone è l’Australia: da lì proviene quasi un terzo di tutto il carbone venduto sul mercato internazionale. Nondimeno, un recente comunicato stampa del Worldwatch Institute afferma: “Il carbone è il combustibile fossile che genera più emissioni di carbonio: a parità di energia prodotta ne genera il 29 per cento in più rispetto al petrolio e l’80 per cento in più rispetto al gas naturale. Il carbone è responsabile del 43 per cento delle emissioni di carbonio a livello mondiale, circa 2,7 miliardi di tonnellate l’anno”.

.Petrolio

Il mondo consuma già 75 milioni di barili di petrolio ogni giorno. Si calcola che in origine le riserve mondiali di petrolio ammontassero complessivamente a 2.000 miliardi di barili, e che di questi ne siano già stati consumati circa 900 miliardi. Ai tassi di produzione attuali, le riserve di petrolio dovrebbero durare ancora 40 anni. Nel 1998, i geologi Colin J. Campbell e Jean H. Laherrère affermarono: “Entro il prossimo decennio l’offerta di petrolio convenzionale non sarà in grado di stare al passo con il crescere della domanda”; sono passati vent’anni ma questa ‘profezia’ non si è avverata.

.Gas Naturale

Si prevede che nei prossimi vent’anni a livello mondiale il gas naturale sarà la fonte energetica tradizionale che registrerà la crescita più rapida. Il gas naturale è il combustibile fossile più pulito, e si pensa che ne esistano ampie riserve. Il componente principale del gas naturale è il metano, il quale è  un potentissimo gas a effetto serra: riesce a intrappolare il calore quasi 21 volte più dell’anidride carbonica.

.Energia Nucleare

Nel mondo ci sono circa 430 reattori nucleari che provvedono più o meno il 16 per cento dell’energia elettrica. A questi reattori vanno aggiunti quelli in fase di costruzione. In base a dati aggiornati, 17 dei 35 reattori in costruzione in tutto il mondo si trovano in paesi asiatici in via di sviluppo”.

 

FONTI DI ENERGIA RINNOVABILEfonti di energia 1

.Dal Vento

Da tempo l’uomo sfrutta il vento per navigare a vela, per azionare mulini e per pompare acqua. Negli ultimi anni, però, in tutto il mondo c’è stata un’ondata di entusiasmo per l’energia eolica. Moderni generatori eolici producono oggi abbastanza energia elettrica da soddisfare i bisogni di 35 milioni di persone, e lo fanno sfruttando una fonte energetica rinnovabile e non inquinante. La Danimarca ottiene già il 20% dell’energia elettrica con generatori eolici. Germania, Spagna e India stanno facendo grandi passi avanti in questo senso: l’India vanta il quinto posto nel mondo per capacità eolica installata. Attualmente negli Stati Uniti ci sono 13.000 turbine eoliche. Secondo alcuni esperti, se gli Stati Uniti sfruttassero tutti i siti adatti potrebbero soddisfare con l’energia eolica più del 20 per cento del proprio fabbisogno energetico attuale.

.Dal Sole

Le cellule fotovoltaiche convertono la luce solare in elettricità. In tutto il mondo con questo metodo si producono quasi 500 megawatt di energia elettrica, e la richiesta di celle solari cresce del 30 per cento l’anno.

.Dalla Terra

Se scavassimo un buco nella crosta terrestre in direzione del nucleo, che si calcola abbia una temperatura di 4.000°C, la temperatura salirebbe in media di una trentina di gradi per ogni chilometro.

Per chi abita vicino a sorgenti termali o fumarole è più facile sfruttare il calore della terra. L’acqua calda o il vapore generati in ‘punti caldi’ della crosta terrestre vengono sfruttati in 58 Paesi per riscaldare le case o generare energia elettrica. L’Islanda soddisfa circa metà del suo fabbisogno energetico con l’energia geotermica. Altri paesi, come l’Australia, stanno valutando la possibilità di sfruttare l’energia racchiusa in vasti giacimenti di roccia molto calda che si trovano a pochi chilometri di profondità.

.Dall’Acqua

Già ora le centrali idroelettriche soddisfano più del 6% del fabbisogno mondiale di energia. Nei prossimi vent’anni l’aumento delle fonti rinnovabili di energia sarà dovuto in buona parte alla costruzione, nei paesi in via di sviluppo e soprattutto in Asia, di enormi centrali idroelettriche.